24/giu/2007

Trilli Trilli: testo ( lyrics ) e traduzione della mitica canzone genovese .

Negli ultimi giorni, in particolare da quando ho compilato il meme musicale, ho notato che molte visite che provengono da google riguardano la ricerca del testo di una famosissima canzone in genovese Trilli Trilli, in pratica un must per tutti i genovesi. Non credo che esista genovese che non l’abbia mai cantata, magari dopo qualche damigiana di vino con gli amici.
Quindi per accontentare i cercatori internettari ecco il testo nella lingua genovese e la traduzione in dialetto italiano.

Trilli Trilli (in zeneise)

Stamme ûn po a sentî
viätri da Föxe , chi ve salva
son quelli de Boccadäse
che son ciû tarlûcchi de viätri

T' ho dïto che t'a prepari
o stocchefisce e bacilli
a gongorzola co-i grilli
e ûn bottigion de vin bon

e invece ti m'æ preparou
a menestrinn-a co-e êuve
a fà ciû fïto scì a chêuxe
ma o l'è ûn mangiâ do belin

O trilli trilli trilli t'æ ciû musse che mandilli
mandilli no ti n'æ , t'æ ciû musse che dinæ

o gnao gnao gnao m'ou belin comme t'é cäo
e fotto fotto fotto m'ou belin comme t'é brûtto

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
e poi g'ho dïto per ûn momento
e poi ghe dimmo che se levan d'inti pë

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
fin che a-o mondo ghe saia a moggê do mæ vexin
no piggiemo ciû moggê pe ûn bello belin .

Stan ben ben quelli c'han quarcösa , stan ben ben stan ben ben ...

o trilli trilli trilli t'æ ciû musse che mandilli
mandilli no ti n'æ , t'æ ciû musse che dinæ

o gnao gnao gnao m'ou belin comme t'é cäo
e fotto fotto fotto m'ou belin comme t'é brûtto

e semmo de zena cö sacco de voxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
e poi g'ho dïto per ûn momento
e poi ghe dimmo che se levan d'inti pë

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
fin che a-o mondo ghe saia a moggê do mæ vexin
no piggiemo ciû moggê pe ûn bello belin
pe ûn bello .... violin

E ora laraduzione in italiano per i foresti:

Statemi un po’ a sentire
voialtri della Foce, chi vi salva son quelli di Boccadasse
che sono più scemi di voi.

Ti ho detto che mi prepari
lo stoccafisso e fave secche
la gorgonzola coi grilli
e un bottiglione di vino buono

e invece mi hai preparato
la minestrina con le uova
fa più presto si a cuocere
ma e' un mangiare del belino.

O trilli trilli trilli
hai più musse che fazzoletti
fazzoletti non ne hai, hai più musse che soldi,

o gnao gnao gnao
ma belin come sei caro
e fotto fotto fotto ma belin come sei brutto.

E siamo di Genova, e siamo della foce,
e se ci girano le palle e non prendiamo più moglie,
finché al mondo ci sarà la moglie del mio vicino
non prendiamo più moglie per un bel belino!

Stanno ben bene quelli che c'han qualcosa, stanno bene, stanno bene...

o trilli trilli trilli,
hai più musse che fazzoletti
fazzoletti non ne hai, hai più musse che soldi,

o gnao gnao gnao
ma belin come sei caro
e fotto fotto fotto ma belin come sei brutto.

E siamo di Genova, con un sacco di voce,
se ci girano le palle e non prendiamo più moglie,
e poi gli ho detto per un momento,
e poi gli diciamo che si levino dai piedi,

E siamo di Genova, e siamo della foce,
se ci girano le palle e non prendiamo più moglie,
finché al mondo ci sarà la moglie del mio vicino
non prendiamo più moglie per un bel belino,
per un bello violino!!!

Technorati Tags: , , , , ,

17 commenti:

Anonimo ha detto...

FORZA GENOA SIAMO TORNATI!!!!!

THE SINDACATE ha detto...

GRIFONI OVUNQUE!!!!!!!!!!!

Elena ha detto...

x i non genovesi: la minestrina con l'uovo della canzone è una chiara allusione all'infedeltà coniugale, infatti si chiama anche la "minestrina del cornuto", perchè è gustosa ma sopratutto tanto veloce da preparare dei soliti minestroni genovesi che ti prendevano tempo a farli sin dalla mattina!

Anonimo ha detto...

e la musse che rappresenta?

lafayette ha detto...

mussa (plurale musse): significa principalmente o bugia o, come in questo caso, pretesa, fisima, esigenza

un "pin de musse" può esser quindi o un contaballe o un viziato estremo

Anonimo ha detto...

e musse sun e balle e a mussa a l'è n'atra cosa

Anonimo ha detto...

ma non è " e poi godimmu"???

Anonimo ha detto...

non sono di genova ma dell'oltrepo pavese volevo solo dire che le vostre canzoni sono insuperabili e che sono indispensabili nelle baraccate.ciao michele

OSCAr ha detto...

purtroppo pur essendo genovese non lo conosco troppo bene... xò mi sento di correggere la traduzione nel punto dove traduce futtu con fotto...

per quel che ne so futtu vuol dire scappa.. classica parola detta ad esmpio al gatto che ti sale sul tavolo per rubarti il cibo dal piatto... se qualcuno xò ne sa di + mi smentisca pure

Grifoncina ha detto...

Forza Genoa alè forza Genoa alè in Europa portaci con te!!!!!!!!!!

Davide ha detto...

Anche io penso che dica godimmu: la ho ascoltata più e più volte e penso proprio dica così...
:-)

Anonimo ha detto...

mussa = organo genitale femminile

secondo me dice "godiamo per un momento e poi le diciamo di levarsi dai piedi"

Un'altra cosa secondo me dice ghè ciù musse che mandrilli... a significare ci sono più fi..e che czzi..

Paolo Ernesto ha detto...

saluti dai Genovesi di Cile.

kenny ha detto...

mandilli: fazzoletti!

underdog ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
max - la piccola casa ha detto...

under dog proprio così sempre forza zena!

Anonimo ha detto...

Sebbene questa pagina sia datata 2007 mi sento di dover confermare assolutamente che il testo dice "godimmu" cioe' godiamo, mentre "g'ho ditu" in questo contesto non c'entra niente. Purtroppo la traduzione con g'ho ditu sta circolando ovunque in internet ed e' originata da questo vecchio post. E anche dal fatto che i giovani genovesi fanno finta di sapere il genovese ma in realta' non lo ascoltano nemmeno.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis

AddThis Smart Layers